Menu Close

L’epidemia di Ebola in Africa occidentale, che ha fatto finora più di 8.400 vittime, sembra rallentare, ma la battaglia contro la malattia non è finita. Lo ha detto l’inviato speciale delle Nazioni unite per l’Ebola, David Nabarro, in un’intervista a Reuters. “Il cambiamento dell’atteggiamento in cui speravamo, per cui lavoravamo e che aspettavamo sta ora avvenendo dappertutto”, ha affermato Nabarro, notando che i centri di cura sono stati aperti in tutte le zone colpite e che le vittime vengono sepolte nel rispetto delle misure di sicurezza. Intanto proseguono gli studi per un vaccino. Da Siena parte lo studio Vsv-Ebovac, che avrà l’obiettivo di studiare la risposta immunitaria a uno dei tre vaccini contro l’Ebola recentemente giudicati dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) come più promettenti nella lotta all’epidemia esplosa in alcune regioni dell’Africa occidentale. Al centro dello studio un candidato vaccino sviluppato da scienziati canadesi. Il progetto, di imminente avvio e della durata di tre anni, sarà coordinato da Donata Medaglini, per conto dell’Università di Siena e della Sclavo Vaccines Association (Sva). Si tratta di uno dei primi otto progetti a cui è stato appena dato il via attraverso il finanziamento da parte di Innovative Medicines Initiative (Imi), partnership tra Unione Europea (Horizon 2020) e Federazione Europea delle Industrie e delle Associazioni farmaceutiche (Efpia), nell’ambito del programma Ebola+, che mira ad accelerare tutti gli aspetti inerenti sviluppo, produzione e impiego di un vaccino, nonché i relativi protocolli terapeutici e diagnostici. Il progetto Vsv-Ebovac, finanziato con 3,9 milioni di euro, partirà dai trial clinici che si stanno effettuando in Europa e Africa per portare avanti la fase di sviluppo del vaccino omonimo (vaccino Ebola Zaire che impiega come vettore il virus della stomatite vescicolare). Il progetto utilizzerà tecnologie avanzatissime, per effettuare analisi dettagliate della risposta immunitaria in campioni prelevati da partecipanti ai trial clinici, prima e dopo la vaccinazione. Questo tipo di studio permetterà di raccogliere informazioni fondamentali per valutare l’immunogenicità del vaccino e la sua sicurezza. “Ebola? Escludo che possa propagarsi anche in Europa. Il vaccino esiste, la risoluzione del problema, nei paesi del Terzo Mondo è solo di natura clinico-infrastrutturale oltre che ovviamente economico”. Lo ha detto oggi al Cro di Aviano (Pordenone), nel corso di un convegno, Robert Gallo, direttore dell’Institute of Human Virology alla University of Maryland School of Medicine di Baltimora e co-scopritore del retrovirus Hiv.

Source: https://www.avvenire.it/mondo/pagine/ebola-rallenta-vaccino-studio-siena

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *